Sport
 

Protocollo d'intesa per evento sportivo con alunni delle scuole secondarie di II grado di Reggio Calabria

E' stato siglato negli Uffici del Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, un protocollo d'intesa volto alla realizzazione di un evento sportivo che prevede il coinvolgimento degli alunni di tutte le scuole secondarie di II grado all'interno del territorio comunale di Reggio Calabria.

Le parti coinvolte sono lo stesso Ufficio del Garante, l'Ufficio provinciale scolastico di Reggio Calabria, l'Asi - Associazioni Sportive e Sociali Italiane - e il Comitato Paralimpico regionale calabrese.

"Il progetto - si legge nelle finalità del documento siglato - in via sperimentale, prevede il coinvolgimento degli alunni delle scuole di ogni ordine e grado all'interno del Comune di Reggio Calabria e nasce dall'esigenza di rendere ai giovani un'esperienza sportiva piacevole e stimolante al fine di creare le condizioni necessarie per innalzare la motivazione all'apprendimento alla pratica sportiva. Lo sport non solo contribuisce alla formazione della persona e al rafforzamento della società civile grazie a valori come il "fair play", il superamento di sé stessi e lo spirito di squadra, ma che ha anche un alto valore pedagogico e una forte capacità di mediazione. Una sana pratica sportiva può, infatti, rappresentare una preziosa occasione per lo sviluppo delle competenze educative e può, altresì, contribuire al tempo stesso ad aumentare le conoscenze, a sviluppare competenze fisiche e mentali, ad incrementare la volontà e ad impegnarsi con spirito di appartenenza e di collaborazione al fine del raggiungimento del risultato. Il progetto vuole proporre ai discenti un percorso curriculare, educativo e formativo basato sui valori olimpici quali: la pratica motoria, fisica e sportiva come uno strumento efficace per un percorso educativo maturo, lo sport per educare alla salute, all'inclusione sociale, al rispetto reciproco, alla lealtà, alla capacità dei giovani nello stare insieme nel gioco dall'entusiasmo, l'impegno, la passione, lo sport come occasione per assumere stili di vita attivi ed abitudini alimentari corrette e la pratica sportiva per aumentare le conoscenze, sviluppare competenze fisiche e mentali, incrementare la volontà in uno spirito di appartenenza e di collaborazione al fine del raggiungimento del risultato".

Firmatari del progetto il Garante Marziale, il direttore dell'Ufficio Scolastico provinciale Maurizio Piscitelli e il presidente dell'Asi Giuseppe Melissi.