Cosenza
 

Tentata estorsione e danneggiamento: un arresto nel Cosentino

manettecarabinieri 500I carabinieri di Castrovillari (Cosenza) hanno arrestato Francesco Bevilacqua, ritenuto responsabile di tentata estorsione continuata in concorso, danneggiamento a seguito di incendio, detenzione e porto illegale di arma da fuoco, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Bevilacqua sarebbe legato al clan degli zingari di Cassano allo Jonio. Bevilacqua, insieme a Cosimo e Francesco Abbruzzese, gia' arrestati ad ottobre scorso nell'ambito dell'operazione "Nerone", e' ritenuto il mandante, in concorso, di diversi danneggiamenti e tentativi di estorsione ai danni di esercizi commerciali, in particolare imprenditori edili e rivenditori di auto. Per questi fatti i carabinieri di Castrovillari avevano gia' eseguito il fermo di 5 persone il 29 ottobre scorso. A casa di Bevilacqua era stato trovato un proiettile calibro 7.65 e nelle vicinanze della sua abitazione anche una pistola dello stesso calibro, con matricola abrasa, e 11 proiettili, simili a quelli usati per compiere le intimidazioni. Trovata anche una busta con 380 grammi di marijuana. (AGI)