Catanzaro
 

Pandemia, cultura, economia, tre fronti di lavoro per le farmacie: il presidente di Federfarma Catanzaro, Enzo Defilippo, tira le somme dei primi 12 mesi del triennio 2019-2020

"Federfarma Catanzaro ha svolto un lavoro importante, in condizioni difficili, per supportare le farmacie, a loro volta chiamate a garantire il servizio in un contesto normalmente già piuttosto critico, ma reso ancora più complesso dal sopraggiungere dell'emergenza Covid-19". Ad un anno dall'avvio del programma ti attività del triennio 2019-2020 del Consiglio direttivo, il presidente di Federfarma Catanzaro, dottor Enzo De Filippo, con una lettera indirizzata ai titolari di farmacia della provincia, fa il punto di quanto fatto negli ultimi 12 mesi "per tutelare e valorizzare la nostra professione in un contesto che definire critico è un eufemismo".

"Sapete benissimo, infatti, quanto sia complesso il confronto con le nostre Istituzioni locali: è come avere a che fare con un muro di gomma. Dico questo non per mettere le mani avanti, ma per sottolineare quanto sia importante disporre di esperienza, contatti giusti, capacità sindacali, per smuovere le acque in un ambiente poco sensibile e poco disposto a venire incontro alle legittime richieste e istanze della nostra categoria – scrive Defilippo -. Il tutto è stato reso ovviamente ancora più complesso a seguito dello scoppio della pandemia e dell'emergenza sanitaria che ne è conseguita, che ha costretto tutti noi a modificare i processi operativi e ha richiesto un impegno maggiore sia nell'attività quotidiana sia nei rapporti con l'amministrazione pubblica e le autorità sanitarie".

"In questo contesto, abbiamo lavorato su più fronti. Per quanto riguarda l'emergenza Covid-19, ci siamo impegnati a mettere tutte le farmacie in grado di svolgere la propria attività in condizioni di massima sicurezza e di erogare il servizio con la massima efficienza. In tale ottica abbiamo lavorato sia per fornire alle farmacie gli strumenti e i dispositivi necessari per la protezione degli operatori e degli utenti, sia per assicurare la disponibilità su tutto il territorio dei farmaci e degli altri prodotti sanitari necessari alla popolazione, sia per garantire la massima collaborazione possibile alle autorità sanitarie – si legge ancora nella lettera del presidente di FederFarma Catanzaro -. Per quanto riguarda, invece, la normale attività sindacale, in questo anno abbiamo lavorato molto sul fronte economico, per garantire alle farmacie del territorio il giusto riconoscimento, nei tempi previsti, nell'ottica di permettere ai titolari di programmare correttamente la propria attività e non dover sostenere oneri impropri per svolgere il proprio lavoro al servizio della popolazione. L'altro fronte è quello del riconoscimento del ruolo e delle funzioni della farmacia attraverso l'erogazione di nuovi servizi e la promozione di iniziative e campagne volte a valorizzare l'impegno quotidiano sul territorio".

"Il terzo fronte è quello culturale, al quale abbiamo dedicato notevole attenzione, nell'ottica di offrire a tutti i colleghi l'opportunità di usufruire di iniziative di formazione, aggiornamento, approfondimenti su temi di carattere professionale, gestionale e sindacale. Ritengo, quindi, in piena sintonia con i componenti del Consiglio Direttivo, che la Federfarma di Catanzaro abbia svolto un lavoro importante, in condizioni difficili, per supportare le farmacie, a loro volta chiamate a garantire il servizio in un contesto normalmente già piuttosto critico, ma reso ancora più complesso dal sopraggiungere dell'emergenza Covid-19".

"Tutti abbiamo fatto la nostra parte per salvaguardare e potenziare il ruolo della farmacia e sono convinto che i cittadini abbiano compreso e apprezzato l'importanza del nostro lavoro in modo particolare nelle fasi drammatiche del lock down – conclude De Filippo -. Da parte nostra Vi garantiamo che continueremo a fare tutto il possibile per portare avanti le istanze della categoria affinché vengano riconosciute in tutte le sedi opportune".