Catanzaro
 

Oliverio: “Il risultato del Pd a Lamezia Terme deve far riflettere”

Oliverio nuova 11 novembre"Il risultato di Lamezia Terme fa riflettere. E deve fare molto riflettere chi ha ispirato l'impostazione chiusa per le liste del Pd". Lo ha detto il presidente della Regione Mario Oliverio commentando i risultati elettorali della quarta citta' della Calabria dove il candidato del Pd e' rimasto fuori dal ballottaggio. "C'e' un'aggregazione di liste civiche - ha aggiunto Oliverio - capeggiata da Paolo Mascaro che va al ballottaggio con uno schieramento di partiti del centrodestra.

Ogni voto - ha aggiunto il governatore calabrese - ha la sua storia, ogni scheda ha la sua storia: regionale, nazionale e dei comuni. I cinquestelle dal 40% alle politiche sono passati al 3.5 delle comunali. E questo la dice lunga sulla necessita' di misurarsi con le realta' e non calare le scelte dall'alto. Ogni voto ha la sua storia e si sbaglia a pensare di sommare risultati di altre esperienze elettorali in modo matematico.

"L'esperienza di questi cinque anni di governo è stata complicata e difficile, ma certo ha dato un altro verso alla vicenda calabrese" ha detto il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio parlando con i giornalisti a margine della presentazione del libro di Michele Drosi "Mario Oliverio, la sfida riformista di un presidente scomodo", edito da Rubbettino, che racconta l'esperienza dei cinque anni del Governatore calabrese. "Nel corso di questi anni la Regione Calabria - ha aggiunto Oliverio - e' stata guidata con una visione e un'impostazione autonoma e non dipendente. La sanita' e' un esempio di queste caratteristiche. Noi abbiamo avuto una gestione commissariale del settore iniziata per la verita' prima che io arrivassi, e per la quale mi sono battuto perche' si andasse ad un superamento da parte del Governo nazionale. Purtroppo abbiamo trovato refrattarieta', chiusura e non ascolto e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La sanita' e' l'unico campo dal quale siamo stati completamente estromessi ed e' un campo nel quale i risultati sono negativi, anzi la situazione si e' perfino aggravata". "E' noto che mi sono battuto apertamente a prescindere dal colore dei governi perche' si superasse questa situazione assurda. I calabresi non possono pagare per una gestione portata avanti all'insegna di una impostazione ragionieristica, anzi nemmeno ragionieristica perche' nemmeno sul piano di conti si sono fatti passi avanti e si giunti ad un aggravamento della condizione dei servizi e a un incremento del ricorso all'esterno per curare la propria salute da parte dei calabresi. I dati che dimostrano un fallimento a 360 gradi della gestione commissariale sono come pietre e non si possono rimuovere".