Calcio
 

Reggina inarrestabile: 4-1 al Rende e 40 punti in classifica

toscanosantagatadi Paolo Ficara - Segnano tutti. La Regina liquida il Rende con un 4-1, ottenendo l'ottavo successo consecutivo in campionato. Eguagliata la striscia della A.S. Reggina guidata da Claudio Tobia nella Serie C2 1983/84, terminata con la promozione in C1. Bellomo la sblocca al 22', poi Corazza alla mezz'ora sembra metterla definitivamente in discesa. Nossa la riapre al 74', ne deriva un quarto d'ora di tensione spezzato da Rivas al 92', con Sounas a sigillare il 4-1 finale al 94'.

LE SCELTE – Out Denis per un problema accusato durante il riscaldamento. Reginaldo fa compagnia a Corazza, con Bellomo in costante appoggio. Bertoncini torna titolare in difesa, così come Garufo a destra. Tricarico piazza i silani con un 4-1-4-1, Vivacqua è l'unica punta.

TIRO AL BERSAGLIO – Reginaldo, dopo due tentativi, va in gol ribadendo in rete dopo un sinistro di Bianchi respinto da Savelloni, ma si alza la bandierina dell'assistente. Al 22', dopo un ingenuo fallo di Blaze su Corazza a palla ormai lontana, Bellomo su punizione trova la deviazione decisiva della barriera per il vantaggio. Da lì all'intervallo è un tiro al bersaglio: tra i vari interventi di Savelloni, strappa applausi soprattutto quello con la mano di richiamo su un sinistro di Reginaldo, indirizzato vicino all'incrocio.

JOKER FA TREDICI – Alla mezz'ora la Reggina mette in ghiaccio il match, al cospetto di un Rende che ci aveva provato solo con Scimia dal limite sul parziale di 0-0. De Rose recupera palla e lancia Reginaldo, immediato l'assist per il movimento in profondità di Corazza: tocco di punta ad anticipare l'uscita di Savelloni, tredicesimo gol in quindici gare di campionato per il cecchino amaranto.

QUARTO D'ORA DI NOTORIETÀ – Savelloni tiene in piedi i suoi ad inizio ripresa, dopo che Tricarico aveva provato nell'intervallo a leggerla con i cambi. Reginaldo, Rolando e Garufo arrivano al tiro ma non la chiudono. Si arriva al 74' ed è il centrale Nossa a beffare tutti di testa su corner. Ne scaturisce un quarto d'ora nel quale Guarna è inoperoso, ma la Reggina rinuncia ad attaccare a testa bassa e si protegge. Ad interrompere l'imbarazzo ci pesano le forze fresche nel recupero: Doumbia in contropiede salta Savelloni, chiedendo a Rivas di spingere in porta il suo primo gol in campionato tra gli adulti in Italia. Ancora Doumbia sfonda a destra al 94', stavolta è Sounas a sfruttare l'assist per il 4-1 finale.

PROIEZIONE - La perfezione non appartiene agli umani, motivo per cui c'è stato qualche attimo di remi tirati in barca per proteggere il risultato. Sta di fatto che la Reggina ottiene l'ottava vittoria consecutiva complessiva, stesso numero per quello che riguarda le sole gare interne. Volando a quota 40 punti, prima a sfondare tale muro in Serie C. nella passata stagione la Juve Stabia, che è stata in testa praticamente dall'inizio alla fine, chiuse con 77 punti. Quando mancano ancora tre gare al giro di boa, in proiezione la Reggina potrebbe anche arrivare a 90. Rendiamo l'idea?

REGGINA-RENDE 4-1

Marcatori: 22' Bellomo (Reg), 30' Corazza (Reg), 73' Nossa (Ren), 90'+2' Rivas (Reg), 90'+3' Sounas (Reg).

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono, Bertoncini, Rossi; Garufo (81' Blondett), De Rose, Bianchi (57' De Francesco), Rolando; Bellomo (70' Rivas); Reginaldo (81' Sounas), Corazza (70' Doumbia). A disposizione: Farroni, Blondett, Bresciani, Gasparetto, Mastour, Paolucci, Salandria, Denis. Allenatore. Toscano.

Rende (4-3-3): Savelloni; Vitofrancesco, Nossa, Bruno, Blaze (46' Origlio); Ndiaye (46' Morselli), Murati, Scimia; Giannotti, Vivacqua (87' Libertazzi), Rossini (84' Godano). A disposizione: Palermo, Borsellini, Ampollini, Cipolla, Libertazzi, Soomets, Drkusic. Allenatore: Guardia.

Arbitro: Mario Cascone di Nocera Inferiore (Francesco D'Apice di Castellammare di Stabia e Michele Di Somma di Castellammare di Stabia).

Note - Spettatori 8 170, di cui 8 ospiti. Ammoniti: Vitofrancesco (Ren), Reginaldo (Reg), Blaze (Ren), Giannotti (Ren), Murati (Ren), Libertazzi (Ren). Calci d'angolo: 7-2. Recupero: 4'st.