Calcio
 

Mancava solo Denis: Reggina-Picerno 4-1, amaranto in testa dopo la terza vittoria consecutiva

20190827 121402di Paolo Ficara - Serata da incorniciare. La Reggina si prende il primo posto in classifica, ottenendo la terza vittoria consecutiva nel girone C della Serie C contro un coriaceo Picerno. Al "Granillo" finisce 4-1, anche se inizialmente gli amaranto avevano visto Santaniello andare in gol al 32', in un primo tempo che sembrava da incubo. Prima dell'intervallo ci pensavano Denis e Rolando, rispettivamente al 42' ed al 45', a far capire chi comanda. Corazza al 49' ed ancora Denis al 52' impacchettavano i tre punti e la vetta della graduatoria.

LE SCELTE – Mister Toscano stavolta conferma tutti. O quasi, dato che c'è da sostituire lo squalificato Sounas col rientrante De Rose. Per il resto, nonostante il turno infrasettimanale, niente turnover per la squadra che ha sbancato Monopoli. Giacomarro invece opta per parecchie forze fresche: maglia da titolare per l'esterno Mirko Fiumara, classe '98 cresciuto nella Reggina.

MEZZ'ORA STREGATA – Una miriade tra punizioni e corner non consente agli amaranto di sbloccare la contesa, contro una squadra che non concede varchi. A lato un'incornata di Corazza, alle stelle un rigore in movimento per Blondett. E così è la seconda punta Esposito a suonare la carica per il Picerno: sua l'azione insistita al 32', con Santaniello pronto su un rimpallo a calciare nel sette di prima intenzione. I lucani sono così i primi ad andare in vantaggio al "Granillo" in questo campionato. Ma non è tutto, perchè ancora Esposito mette a ferro e fuoco la difesa della Reggina: prodigioso il riflesso di Guarna a negare il raddoppio ospite.

SCOSSA – A quel punto la Reggina si scuote. Ennesimo sfondamento a destra al 42', cross per Corazza che non riesce a girarsi: dietro di lui c'è in agguato Denis, che colpisce chirurgicamente quel pallone vagante per l'1-1. E lì la Reggina ha il merito di voler spingere, per ribaltare la gara prima dell'intervallo. Altra azione insistita ed avvolgente, che termina con un pallone scodellato in profondità: Rolando ci arriva in volo di testa, disegnando una palombella che scavalca Cavagnaro. Il Picerno non si riprenderà più.

COMPAGNIA PER CORAZZA – La ripresa diventa quasi un allenamento. Superato il problema di trovare in vantaggio, l'enorme divario tecnico consente alla Reggina di dilagare ad inizio ripresa. Denis si porta a spasso tutta la difesa del Picerno al 49', meraviglioso il cioccolatino servito a Corazza: il bomber non sbaglia da pochi metri, dopo aver eluso il marcatore diretto. E adesso, l'ex attaccante del Portogruaro sa di non essere più l'unico a doverla buttare dentro. Infatti al 52', al termine di un'altra azione frutto di una serie infinita di passaggi, El Tanque Denis evita la trappola del fuorigioco e sbatte in porta il 4-1.

ACCADEMIA – Da lì in poi Toscano inizia a pensare ad Avellino, centellinando le forze con i cambi. I subentrati Doumbia ma soprattutto Paolucci hanno una gran voglia di mettersi in mostra, più volte viene sfiorato il quinto gol. Quel che resta di questo mercoledì sera al "Granillo" è la sintesi di ciò che ogni tifoso vorrebbe vivere. Bel gioco, capacità di ribaltare le avversità, qualità straripante, trionfo totale. Toscano letteralmente osannato da tutto lo stadio. Complimenti al Picerno, che se l'è giocata nell'unica maniera possibile. Ma stasera la Reggina, complici i passi falsi di Potenza e Ternana, si prende tutto. E adesso che si è sbloccato El Tanque...

REGGINA-AZ PICERNO 4-1

Marcatori: 32' Santaniello (P), 42', 52' Denis (R), 44' Rolando (R), 47' Corazza (R),.

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono (62' Gasparetto), Blondett, Rossi; Garufo, Bianchi (73' Salandria), De Rose, Rolando; Bellomo (62' Paolucci); Denis (70' Doumbia), Corazza (62' Reginaldo). A disposizione: Farroni, Lofaro, Bresciani, Marchi, Rubin, De Francesco, Rivas. Allenatore: Toscano.

AZ Picerno (3-5-2): Cavagnaro; Priola, Fontana, Bertolo (56' Soldati); Fiumara (56' Lorenzini), Langone (81' Ruggieri), Vrdoljak, Pitarresi, Vanacore; Esposito (56' Nappello), Santaniello (56' Sparacello). A disposizione: Fusco, Caidi, Calamai, Guerra, Melli, Sambou, Calabrese. Allenatore: Giacomarro.

Arbitro: Gianpiero Miele di Nola (Claudio Barone di Roma 1 e Mattia Politi di Lecce).

Note - Spettatori 9226, di cui 14 ospiti. Ammoniti: Langone (P), Espulsi: Calci d'angolo: 9-0. Recupero: 1'pt; 3'st.