Primo tempo da Ferrari, poi si ingolfa il motore: pari deludente per la Reggina a Pagani, 1-1

20190827 121402di Paolo Ficara - Quando meno te l'aspetti. C'erano gli ingredienti affinché la domenica si rivelasse gaudente per la Reggina, ma le prime avvisaglie erano giunte da Terni dove la capolista si teneva il primato battendo 3-2 il Catania. Il solito acuto di Corazza al 12' sembra mettere la strada in discesa per gli amaranto, sul campo della Paganese. Invece, dopo una prima frazione in cui si è giocato in una sola metà campo, è bastato uno stacco di Diop per rimandare a data da destinarsi l'appuntamento con la prima vittoria esterna.

LE SCELTE – Stavolta c'è Rivas a sostegno delle punte Corazza e Reginaldo nella Reggina. Prevedibile la mossa di Toscano, che fuori casa non si affida mai a Bellomo come trequartista. Confermato Blondett al posto dell'indisponibile Bertoncini. Nella Paganese spazio sulla fascia sinistra al nuovo acquisto Dramè, con trascorsi in Serie A.

CORAZZA CONTRO TUTTI – Il primo tempo è quasi uno one man show. Simone Corazza veste prima i panni di assist-man, mandando in porta prima Bianchi (gli manca il guizzo sull'uscita di Baiocco) e poi Reginaldo (destro alto da posizione angolata ma ravvicinata). Al 12' ci pensa lui a sbatterla dentro, dettando il passaggio in profondità all'imprendibile Rivas: tocco (potente) sottomisura e vantaggio amaranto. Lo stesso Corazza, imbeccato per due volte da Rolando, non ha poi la necessaria freddezza per realizzare una meritata doppietta.

COMPLEANNI CONTRO – In campo ci sono due calciatori che compiono gli anni, uno per parte. E se l'uno va in marcatura sull'altro, è facile prevedere come difficilmente festeggeranno entrambi. Al 51' Diop prende il tempo a Loiacono su corner di Capece, incornando per l'1-1. Toscano corre ai ripari, inserendo due che sarebbero in teoria titolari inamovibili: De Francesco e Denis. Fuori Bianchi e Reginaldo, ma il motore si ingolfa sempre di più. Ne viene fuori un secondo tempo abulico per la Reggina, incapace di riproporre nemmeno la metà delle occasioni nitide della prima frazione.

TESTA AL DERBY – La Reggina rimane imbattuta, ma anche la Paganese conserva la propria inviolabilità interna. Prima del match era chiaro l'obiettivo per gli amaranto, che volevano vincere per imprimere una concreta svolta al campionato. Il tempo per rimediare c'è, ma anche stavolta il pari esterno è arrivato in fotocopia, ossia con un 1-1 rimediato dopo essere passati in vantaggio. Fin qua abbiamo parlato di squadra da primo posto e di una serie di certezze. Ora, paradossalmente, si apre la prima vera settimana in cui qualche mugugno ci sarà. Il Potenza scavalca in classifica la Reggina, raggiunta anche dal Catanzaro che arriverà sabato sera al "Granillo". Ed almeno il ruolino tra le mura amiche, va assolutamente mantenuto.

PAGANESE – REGGINA 1-1

Reti: 12' Corazza, 51' Diop

Paganese (3-5-2): Baiocco; Schiavino, Stendardo (14' Sbampato), Panariello; Carotenuto, Caccetta, Capece, Gaeta, Dramè (74' Mattia); Alberti (46' Calil), Diop. A disposizione: Campani, Scevola, Acampora, Bonavolontà, Bramati, Lidin, Guadagni, Musso, Scarpa. Allenatore: Erra.

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono (81' Gasparetto), Blondett, Rossi; Rolando, Bianchi (58' De Francesco), De Rose, Bresciani; Rivas (82' Bellomo); Reginaldo (58' Denis), Corazza. A disposizione: Farroni, Lofaro, Marchi, Rubin, Paolucci, Salandria, Sounas. Allenatore: Toscano

Arbitro: Matteo Marcenaro di Macerata (Dario Gregorio di Bari e Giovanni Mittica di Bari)

Ammoniti: Alberti, Toscano, Dramè, Corazza, Rolando, Rossi

Creato Domenica, 06 Ottobre 2019 19:36