Marziale: “Il 49% dei bambini calabresi è a rischio povertà"

"Il 49% dei bambini calabresi è a rischio povertà ed esclusione sociale e il Governo del Paese si riunisce a mezzanotte di una domenica pre-natalizia a salvare una banca". E' quando dichiara il sociologo Antonio Marziale, Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria, commentando i dati diffusi dal presidente del Comitato italiano Unicef, Francesco Samengo.

"Quaggiù, in Calabria - continua Marziale - si crede allo Stato perché la magistratura e le forze dell'Ordine lavorano sul piano della repressione al crimine, ma non possono crederci i bambini che, al 90% frequentano scuole sprovviste del decreto di agibilità, secondo quanto riferito dallo stesso Miur. Non ci credono i bambini che apprendono essere il loro papà e la loro mamma disoccupati. Non ci credono i bambini portatori di disagio psicosociale che non hanno uno straccio di reparto di neuropsichitria infantile in tutta la regione. Non ci crede il Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria; io, chiamato ogni giorno a risolvere problemi che altrove non esistono da decenni".
"Se il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, vuole mi dia appuntamento a mezzanotte di domenica prossima, così parliamo dei bisogni dei bambini della mia terra. Se vuole anche a mezzanotte di Natale, quando magari sarà impegnato ad adorare un bambino di legno".